U Natali di Pitruzzu

 

U NATALI CHIU BELLU

Aviva i canzi curti e du friddu mi ni futtiva.
A sedici anni si mindivanu chiddi lunghi.
Tombola cu cici, e u zio Stefanu, tirava i nummari:
ambu, tirzu, quaterna e cinquina e tombola.
Quantu era stizzusu u zio Stefano
mai na vota ca mi faciva vinciri.
Attranta allenta, attranta allenta, attranta allenta.
Totò, Peppe, Lillo, Giacomo e Piero du zio Stefano.
A u cinamu trasi francu (me frati) e Pietru resta fori.
Minnuli caliati, nuci, semenza, e mali di panza e cacaruni.
Termosifoni? Motoleggeri * un ci aviva pinzatu.
Prima ca u spiriminavanu c’era u vraciri.
Pi ricchi u cravuni, pi poveri i scorci (come sempre) di minnuli.
U rosolio pi l’ospiti cummigliati na scapuccina.
U Bambinennu chi nasciva a mezzanotti.
Tannu, ma addumiscivu sempri prima.
Mi infilavu suttu u tavuluni.
“Maria, sti scurdasti u pipì nu furnu?
Sintu fuzza d’abbrusciu”.
“No, mama ci astutavu”.
Ma unnè Pitruzzu?
“Bedda Matri Santissima!! i gammi s’abbrusciò”.
Scantu, vegetallumina, tummuliati, e a festa finì.
Merry Christmas , Santa Claus e Flahsback
Ancora chiddu resta u Natali chiù bellu, a Mussumeli.

Pitruzzu

* Motoleggeri, il segretario del Notaio Barcellona, che aveva sempre l’abitudine di dire, quando arrivava una novità tecnologica: “Su sapiva a ‘nvintava ia”.

Per saperne di più su Pitruzzu Ciccarelli da Mussomeli vi invitiamo a consultare la scheda in Bibliografia Mussomelese

Be Sociable, Share!

Scritto da: Ciccarelli_Piero - il 27 febbraio 2011 - Categoria: Quannu mi chiamavanu Pitruzzu ! - Nessun Commento -

Potrebbero interessarti anche altri contributi quali:



Leggi tutti i contributi di Ciccarelli_Piero (42)

Se ti è piaciuto questo contributo prendi in considerazione di iscriverti ai nostri feed per restare sempre aggiornato sulle ultime novità pubblicate!

I commenti sono chiusi.

1880